Post

Saper perdere. Angelo Testa racconta la meraviglia di una "sconfitta"

Quante volte nella mia vita ho sperimentato quell'invito di Chiara al “saper perdere” un'idea personale per cercare di valorizzare la condivisione e l'unità. Sembra una frase semplice, ma accettare e dare per scontato che se sai accettare di perdere è un’altra cosa (specialmente quando sei certo di aver ragione) . Quando però ci si riesce, si trova sempre una soluzione migliore. Mi è capitato anche di recente, quando Valence mi ha aggiornato che il terreno su cui avevamo iniziato a costruire una scuola in Burundi, nel comune di Kigozi, ci era stato assegnato solo in comodato d’uso. Mi sono trovato a dover rinunciare al progetto, a tanti sogni. Avevamo anche un disegno che Giorgia ci aveva preparato con passione. Avevo cercato e trovato anche un po’ di soldi. Tutto è svanito quando un gruppo di poliziotti di Kirundo, su ordine del Ministro dell’Agricoltura, si è presentato in cantiere e ha ordinato di sospenderei lavori e di lasciare libero il terreno perché era già stato me

Nuovi cantieri. Sabato pomeriggio al Centro Mariapoli "Luce" un appuntamento da non perdere

Progetto Gen4 Ava Guaranì ... un aiuto!

Caravaggio dice no. L'associazionismo si mobilita contro le armi nucleari: un convegno e gazebo informativi

A Frontignano la mostra fotografica del concorso "L'uomo e l'ambiente"

Dal Sudafrica, con il cuore colmo di gratitudine. Un report aggiornato sull'utilizzo degli aiuti inviati a Maria Zorra e al suo Focolare

"Non si può amare con le armi in pugno". All'aerobase militare di Ghedi (BS) il presidio di pace contro la follia nucleare

Emanuele Colombo: un’anima aperta sul mondo

Fate agli altri quanto vorreste fosse fatto a voi. L'esperienza comunitaria a sostegno di Donatella e dei suoi figli